Arriva il caldo: attenzione all'insufficienza venosa, utilizzando principi attivi per la cura dei vasi dilatati.

news

Arriva il caldo: attenzione all'insufficienza venosa, utilizzando principi attivi per la cura dei vasi dilatati.

Arriva il caldo: attenzione all'insufficienza venosa, utilizzando principi attivi per la cura dei vasi dilatati.

Con l'innalzamento delle temperature puoi ritrovarti inevitabilmente nel contrastare tutti quei piccoli fastidi legati a tale condizione. Sebbene nella gran parte dei casi le preoccupazioni che hai sono vincolate al refrigerio, ti sarai accorto di quanto il caldo possa nuocere sulla tua circolazione e in particolar modo sull'insufficienza venosa. Nelle prossime righe analizzeremo meglio l'insufficienza venosa focalizzando lo sguardo sull'importanza di utilizzare una vita sana e principi attivi per la cura dei vasi dilatati.

Cos'è l'insufficienza venosa

Prima di esaminare i rimedi per l'insufficienza venosa è opportuno darne una definizione. Da un punto di vista scientifico l'insufficienza venosa non è altro che un disturbo patologico della tua circolazione in cui non viene veicolato il giusto quantitativo di sangue al cuore dalle vene. Tale fenomeno può presentarsi in diverse circostanze, da una profonda trombosi venosa a una particolare dermatite da stasi.

I sintomi dell'insufficienza venosa

Sebbene la definizione possa farti dedurre facilmente quali siano i sintomi di tale patologia è opportuno elencarli per avere una disamina completa di questa problematica. Purtroppo, i sintomi sono estremamente variabili ed elencarli tutti risulterebbe solo un esercizio di stile. Vediamo quelli statisticamente più rilevanti.

Macchie: i sintomi più evidenti in un individuo affetto da insufficienza venosa sono la comparsa di macchie scure sulla pelle, in gran parte dovute all'accumulo di sangue.

Crampi e formicolii: i crampi ai polpacci e il formicolio alle gambe sono due sintomi che evidenziano tale patologia. L'accumulo di acido lattico non viene smaltito nel modo corretto a causa di una circolazione poco funzionale.

Gonfiore: quando caviglie e gambe si gonfiano vi è un'alta probabilità che vi sia un'insufficienza venosa.

Dolore e edema: in prossimità della vena dilatata è facile sentire dolore e indurre il corpo nel creare degli edemi fastidiosi.

Altri sintomi rilevanti: tra i sintomi più ricorrenti figurano anche il prurito, la teleangectasia, ulcere cutanee e ovviamente le tanto odiate vene varicose.


Insufficienza venosa: classificazione

Come per tutte le patologie legate alla circolazione vi è una classificazione ben definita per comprenderne la gravità. Le classi sono precisamente sei e si identificano dalla classe 0 per sintomi poco visibili o lievi, fino alla classe 6 per insufficienze venose in piena complicazione.

Utilizzando principi attivi per la cura dei vasi dilatati

Nel caso la tua classe di riferimento non sia preoccupante puoi pensare di utilizzare dei rimedi naturali per limitare o curare del tutto i vasi dilatati.

Rimedi naturali

L'esercizio fisico e un'alimentazione sana con principi attivi sono la base per ridurre l'insufficienza venosa. La circolazione sanguigna è particolarmente legata al tuo modo di vivere, più sarai sedentario e maggiori problemi avrai con la circolazione. Tieniti attivo con diete sane e un movimento costante.

A tali soluzioni puoi aggiungere anche delle calze elastiche per ridurre il dolore alle gambe oppure applicare delle creme ad azione protettiva.

Rimedi chimici

Se la tua classificazione necessita di un intervento medico allora sarai costretto ad assumere dei rimedi chimici leggermente più invasivi. I più utilizzati sono principalmente anticoagulanti e fibrinolitici, capaci di recare sollievo immediato.

Dove acquistare: Farmacia

Sebbene potresti acquistare i farmaci per contrastare l'insufficienza venosa su internet, è opportuno evitale tale soluzione e confrontarsi con il farmacista di fiducia. Quest'ultimo ti darà non solo consigli preziosi ma farmaci affidabili e di sicura provenienza.